Centro Familiare

Umbria: “Bellezza e fragilità della famiglia oggi” – ZENIT.org

SHARE
, / 600 0

L’episcopato umbro si interroga su “Bellezza e fragilità della famiglia oggi” – ZENIT – Italiano

L’episcopato umbro si interroga su “Bellezza e fragilità della famiglia oggi”

Domenica 19 marzo si tiene il convegno promosso dalla Conferenza episcopale umbra su come “Accompagnare, discernere e integrare alla luce del Cap. VIII dell’Amoris Laetitia”

 

Da: https://it.zenit.org/articles/lepiscopato-umbro-si-interroga-su-bellezza-e-fragilita-della-famiglia-oggi/

 

L’episcopato umbro si interroga su “Bellezza e fragilità della famiglia oggi” – ZENIT – Italiano

La Chiesa non cambia la sua dottrina, ma cambia angolazione nel guardare all’uomo. Se in passato ha illuminato alcuni aspetti dell’essere umano, ne mette in luce altri. Cambia forse l’eterna misericordia di Dio? No di certo. Ma se l’uomo di oggi ha bisogno di sentire parole nuove su questo amore sconfinato e “folle” del suo Creatore, perché avere paura di pronunciarle?

È anche per questo motivo che la Commissione Regionale di Pastorale Familiare assieme ai Vescovi dell’Umbria, ha percepito l’urgenza di interrogarsi su un tema di grande attualità nel dibattito attuale, complici anche alcuni media che non sempre sanno riportare correttamente l’atteggiamento della Chiesa e del Pontefice nell’opinione pubblica.

Bellezza e fragilità della famiglia oggi. Accompagnare, discernere e integrare alla luce del Cap. VIII dell’Amoris Laetitia”: il convegno regionale promosso dalla CEU si terrà domenica 19 Marzo a partire dalle ore 9 presso la Domus Pacis di Assisi con l’intervento di don Paolo Gentili, Direttore dell’Ufficio Nazionale di Pastorale Familiare CEI e don Carlo Rocchetta, teologo e fondatore del Centro Familiare Casa della Tenerezza di Perugia. A seguire nel pomeriggio, dalle ore 15, una tavola rotonda sui bisogni delle famiglie ferite, a partire dall’esperienza di accompagnamento dei figli di coniugi separati (Gruppo di parola, condotto da Barbara Baffetti e Roberta Ricci, “Casa della Tenerezza”), da quella dei sposi separati fedeli (Paolo Ricci, “Fraternità Sposi per sempre”), degli sposi separati, divorziati e in nuova unione (p. Marco Vianelli, giudice al Tribunale Interdiocesano dell’Umbria) ed esperienze di accoglienza (Famiglie del Vangelo di Assisi, Ass. Amoris Laetitia Terni).

Il Vangelo ha sempre interrogato la storia, leggendo le cose in modo originale, aprendo strade dove non sembravano esserci.

In Amoris Laetitia Papa Francesco fin dai primi numeri lascia intuire suo il approccio “induttivo” alla realtà, non dedotta dai principi, ma osservata partendo dai problemi che essa contiene. Un approccio che raccoglie le indicazioni dei due sinodi precedenti, nei quali i vescovi di tutto il mondo hanno compiuto lo sforzo di condividere cosa è la famiglia oggi alle varie latitudini del globo terraqueo.

Una lucida e chiara analisi della realtà della famiglia e dell’amore coniugale (chiara, ma non riduttiva) con uno sguardo orientato al Vangelo permette al Pontefice di inaugurare un modo nuovo (ma non del tutto sconosciuto nella Chiesa) di guardare anche a queste famiglie in cui si vive il dramma della separazione e le difficoltà e fatiche di nuove unioni.

È così che il cap. VIII non risolve il problema di come trattare le situazioni “irregolari”, ma propone alcuni percorsi per far sentire la Chiesa vicino a queste realtà e senza rinunciare al Vangelo del matrimonio. Proprio l’indissolubilità del sacramento è infatti il motore indispensabile per avere una misura “colma e pigiata” (cf. Luca 6,37-38), che non sia un arido metro di giudizio, ma un modo per saper vedere anche al misura del dolore di tante situazioni che non fanno notizia. Un percorso di comprensione e ascolto della storia di un separato può diventare il modo per capire a fondo la sua sofferenza. E su questa, come su tutte le sofferenze, il Vangelo del matrimonio può gettare luce, per cogliere quei chiaroscuri che molto spesso non si vedono, per chiarire il mistero irrisolto o incompiuto della coniugalità, ma soprattutto per non perdere la presenza di Gesù che è forte in chi cerca la verità e la salvezza.

In questa prospettiva di accoglienza, non vanno neanche nascosti i problemi. Primo fra tutti, la gestione dei figli in una situazione di separazione. Occorre creare una cultura capace di non lasciare soli i bambini che soffrono della separazione dei genitori, una cultura di adulti capaci di aiutarli, decifrando la loro tristezza e facendoli sentire sempre e comunque amati. Oggi le difficoltà di questi bambini sono taciute dai mass media, semplicemente non se ne parla. La Chiesa non può fingere che non esistano, deve interrogarsi per prima sulla loro realtà e trovare gli strumenti giusti per farli sentire speranzosi e coccolati da Dio, perché “chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me” (Matteo 18,5). Così come vanno aiutati i loro genitori, che se hanno visto spegnersi il loro rapporto non hanno spento di certo l’amore per i loro figli e per questo devono trovare persone capaci di aiutarli nell’esperienza educativa.

Un altro tema importante è quello della formazione dei sacerdoti, che possono faticare a discernere le diverse situazioni e a fornire le indicazioni, adatte. Su tutto questo c’è bisogno di confrontarsi, con calma e capacità di ascolto. Accompagnare e far luce su situazioni più difficili vuol dire anche andare più a fondo nella comprensione del Vangelo e della propria missione di comunità ecclesiale. E soprattutto c’è bisogno di preghiera, una preghiera che unisca e non divida, per capire dove si incamminano le strade dello Spirito.

ATTIVA COOKIES
X
Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento

Politica dei cookie di questo sito in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da questo sito. A questo scopo si usano i cookie (vale a dire dei file testuali) per agevolare la navigazione dell’utente.

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell’utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.

   2) A cosa servono i cookie?

cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

    3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l’accesso e la fruizione del sito da parte dell’utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici?

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici? Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se “utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.” 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cokie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.

   6) È necessario il consenso dell’utente per l’installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l’installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell’utente solo dopo che quest’ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log (registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite). Le informazioni contenute all’interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell’utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all’identità dell’utente. Cookie: questo sito usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in basa al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.Cookie di Facebook: Questo sito ha alcuni plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori. Per avere maggiori informazioni in merito si può consultare la pagina per la Politica della Privacy di Facebook.

UTILIZZO DI GOOGLE ANALYTICS IN QUESTO SITO

Come detto i cookie analytics sono considerati tecnici se utilizzati solo a fini di ottimizzazione e se gli IP degli utenti sono mantenuti anonimi. Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics.  Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google  che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida. Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componenete aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari. Si possono altresì

 

NAVIGAZIONE ANONIMA

Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

  1. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefox, in inglese.
  2. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome,  in inglese
  3. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su  Internet Explorer,  in inglese
  4. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su  Safari , in inglese
  5. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera, in inglese.

PASSWORD RESET

LOG IN