Centro Familiare

Dialogo e famiglia ai tempi di Internet

SHARE
, / 1198 0

Treviso, 28 gennaio 2017

Di Alessandra Cecchin

Famiglie, il dialogo che costruisce / Chiesa / Home – La Vita del Popolo di Treviso

Il momento centrale della Festa della famiglia di domenica 29 gennaio è stato l’intervento dei coniugi Flavia Marcacci e Roberto Contu su un tema di grande attualità per la società di oggi, e per la famiglia in particolare: “Comunicare con amabilità in coppia e in famiglia ai tempi di internet”. A loro abbiamo chiesto di spiegarci che cosa significa oggi comunicare in famiglia, immersi in un mondo in cui la comunicazione sembra pervadere le nostre vite…

http://www.lavitadelpopolo.it/Chiesa/Famiglie-il-dialogo-che-costruisce

 

Perché è così importante riscoprire la comunicazione nella coppia?
Se la coppia non dialoga non può neanche costruirsi. Il dialogo non è la comunicazione di impegni necessari, pur accessori. Non è l’organizzazione del giorno della settimana. Quella è importante perché ogni buona coppia deve cooperare sul piano organizzativo. Il dialogo non è neanche la comunicazione di qualsiasi mio sentimento all’altro. Dialogare è scendere nell’intimità, consegnarsi reciprocamente nei vissuti, nelle idee e nelle emozioni per conoscersi, e soprattutto per costruirsi quel “noi” che, pian piano negli anni di cammino matrimoniale, diventa precondizione dell’«io» e del «tu». Questo richiede di saper scegliere i tempi giusti in cui dialogare, destinare al dialogo un calendario preciso, non casuale o inadatto. Non è facile, visti i ritmi delle famiglie di oggi. Ma si può fare. E chi lo fa, nota fin da subito i benefici, tali da rendere più leggeri anche i ritmi di vita.
Quali sono gli ingredienti di una comunicazione amabile nella coppia? E in famiglia?
Innanzitutto definiamo la parola amabile, che significa “capace di ispirare amore, simpatia, tenerezza”. Se ci fermiamo un momento a pensare al significato, capiamo subito quanto conti essere amabili in famiglia. Troppe volte diamo per scontato che siano gli altri famigliari a doverci amare, ma non è così. La vita famigliare richiede una partecipazione attiva e positiva tale da metterci in discussione noi per primi. Cosa ci rende gradevole all’altro, all’altra? Cosa permette di meritarmi che l’altro mi ami? Saper gestire le proprie negatività è essenziale per non farle ricadere gratuitamente sull’altro. La comunicazione dovrebbe essere il segno di questa amabilità. Significa che esistono regole per rendere la comunicazione sana in famiglia. Ad esempio, meno spazio alla sola lamentela e più spazio a un linguaggio positivo, capace di sottolineare le cose buone degli altri componenti della famiglia. Oppure, sapere cosa piace all’altro, in modo da non costringerlo solo ad ascoltare cosa piace dire e sentirsi dire. La famiglia è il luogo in cui ognuno di noi diventa sempre meno un assoluto e sempre più si fa presente la reciprocità, nelle parole e nei gesti, perché non esiste solo la comunicazione verbale in casa, ma anche quella fatta di gesti e di silenzi, molto spesso più eloquente.
Comunicare in un tempo in cui siamo sempre connessi (e in teoria più “comunicativi” che mai), che cosa significa?
Significa che la sovraesposizione alle informazioni che caratterizza i nostri tempi sta cambiando i nostri modi di essere e di comunicare. Questo non è affatto male e può essere una vera opportunità. Negli ultimi anni il mercato del lavoro ha causato in molte famiglie la necessità di lavorare per periodi di tempo in città diverse. Non è l’ideale, ma pensate che cosa sarebbe se non ci fosse Skype! O quando un figlio va via per studiare. Ogni epoca ha dei cambiamenti rispetto a quella precedente e nella società attuale è cambiato proprio il modo di comunicare. Se prima il marito si seppelliva sotto il giornale a tavola e la moglie glielo toglieva vigorosamente da davanti, oggi ci sono gli smartphone che possono “seppellire” coppie e figli. Ieri come oggi si rischia di isolarci negli ambienti digitali, ma ieri come oggi la coppia e la famiglia hanno tutte le risorse per evitarlo. Se usano l’intelligenza.
E’ possibile abitare questi ambienti (internet, i social) da cristiani, oppure bisogna sfuggirli, limitarli?
Bisogna conoscerli. E conoscere le regole per abitarli. Fuggirli è inutile, considerarli luoghi neutri è dannoso. Alcuni studiosi dicono che oggi serve una ecologia dell’infosfera (l’insieme dei mezzi di informazione e comunicazione), una netiquette (un galateo della rete) per capire dove stiamo quando frequentiamo internet, e quindi per capire come starci. Come in casa non è bene insultare con parolacce e ferire, questo non dovrebbe accadere neanche in rete. Ingenuamente si crede che la rete sia neutrale e capace di sostenere qualsiasi pensiero ci passi per la testa. Non è così. Occorre avviare una riflessione seria su questo tema, visto che ormai ci sono molti studi in merito.
Voi collaborate con la Casa della tenerezza di Perugia, nella quale vivono insieme famiglie, sacerdoti, persone consacrate. Qual è la “mission” di questo progetto?
Crescere nella consapevolezza della bellezza del matrimonio cristiano, vivere la reciprocità delle vocazioni, costituirsi in spirito di vera fratellanza e comunione cristiana con altre famiglie, formare e rafforzare fidanzati e giovani sposi aprendo loro l’incredibile e miracoloso scenario dell’amore coniugale e familiare, E poi sostenere le coppie che si rivolgono a noi e vogliono essere aiutate a superare una crisi matrimoniale, accompagnare i separati e divorziati e i loro figli (che sono quelli che soffrono di più le separazioni, anche quelle più civili) facendo loro sentire la presenza di una Chiesa che li cura. Tutto questo, nella certezza che la tenerezza di Dio sia il sale della nostra vita. Per questo abbiamo un serrato calendario di eventi e incontri (www.casadellatenerezza.it) a cui tutti possono partecipare.
Possiamo considerarlo un laboratorio di come potremmo vivere nelle nostre comunità cristiane, nelle parrocchie, la dimensione della collaborazione, della corresponsabilità, della comunione?
Crediamo di sì. La Chiesa è bella per la molteplicità di esperienze e carismi. Sicuramente il nostro è un laboratorio di vita cristiana, nel quale già esiste anche una “clinica” per matrimoni in crisi (come ci definirono ormai una decina di anni fa). Dal nostro laboratorio è difficile uscire senza speranza, senza la convinzione che il matrimonio cristiano sia qualcosa da continuare ad annunciare con forza.
treviso
ATTIVA COOKIES
X
Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento

Politica dei cookie di questo sito in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da questo sito. A questo scopo si usano i cookie (vale a dire dei file testuali) per agevolare la navigazione dell’utente.

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell’utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.

   2) A cosa servono i cookie?

cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

    3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l’accesso e la fruizione del sito da parte dell’utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici?

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici? Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se “utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.” 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cokie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.

   6) È necessario il consenso dell’utente per l’installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l’installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell’utente solo dopo che quest’ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log (registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite). Le informazioni contenute all’interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell’utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all’identità dell’utente. Cookie: questo sito usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in basa al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.Cookie di Facebook: Questo sito ha alcuni plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori. Per avere maggiori informazioni in merito si può consultare la pagina per la Politica della Privacy di Facebook.

UTILIZZO DI GOOGLE ANALYTICS IN QUESTO SITO

Come detto i cookie analytics sono considerati tecnici se utilizzati solo a fini di ottimizzazione e se gli IP degli utenti sono mantenuti anonimi. Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics.  Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google  che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida. Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componenete aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari. Si possono altresì

 

NAVIGAZIONE ANONIMA

Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

  1. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefox, in inglese.
  2. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome,  in inglese
  3. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su  Internet Explorer,  in inglese
  4. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su  Safari , in inglese
  5. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera, in inglese.

PASSWORD RESET

LOG IN