Centro Familiare

Frammenti di Pace parla di noi

SHARE
, / 471 0

La “rivoluzione della tenerezza” che salva i matrimoni – Frammenti di Pace

«La Casa della tenerezza è nata da un mio sogno: quello di mettermi al servizio delle coppie in difficoltà − racconta il fondatore don Carlo Rocchetta −. Grazie al vescovo di Perugia e ad alcune coppie siamo riusciti a creare una comunità che oggi mette a disposizione alcuni cammini non solo per coppie in crisi, ma anche per fidanzati, per genitori e separati. Il fine è aiutare la coppia a ristrutturarsi e la tenerezza è l’anima di questa ristrutturazione: sono convinto che l’anima è per il corpo ciò che la tenerezza è per la coppia».

Tenerezza che occorre distinguere «dal tenerume-sentimentalismo», come spiega don Carlo: «La tenerezza in senso orizzontale è un sentimento forte di affetto per la persona amata: per la coppia implica il tutto e il per sempre, per gli altri le virtù di benevolenza, bontà, comprensione, perdono. In senso verticale è sentirsi amati da Dio come una madre porta il bambino in grembo e, grazie a questa consapevolezza, sapere che la propria vita merita di essere vissuta».

Solo scoprendo un Dio così ci si potrà esprimere in modo analogo nel rapporto con il proprio coniuge: «Il matrimonio è il sacramento della tenerezza di Dio per gli sposi. Senza di essa si rimane due individui che stanno insieme, ma che non realizzano quel sogno di essere una cosa sola».

Ai molti che domandano la differenza tra amore e tenerezza il sacerdote risponde: «Quest’ultima aggiunge all’amore il pathos, la sensibilità alla persona. Quante donne affermano: “mio marito mi ama, ma non me lo dice mai, non mi chiede mai come sto!”; la tenerezza è questa attenzione e partecipazione, per cui ci può essere l’amore senza tenerezza ma non ci può essere la tenerezza senza amore».

Continua a leggere: http://www.frammentidipace.it/la-rivoluzione-della-tenerezza-salva-matrimoni/